BRESCIA: GUAI A SOTTOVALUTARE LA SPAL

105

Non dare per scontata una vittoria contro la Spal. Sarebbe un errore imperdonabile. Il calcio ha regalato spesso delle delusioni cocenti frutto di una presa sottogamba dell’avversario. Un pensiero che non può e non deve toccare il Brescia chiamato a fare propria la vittoria ma consapevole delle difficoltà di una partita delicata quanto per le rondinelle quanto per gli emiliani.

Allo stadio Rigamonti arriva una Spal con l’acqua alla gola. Annata diastrata quella del club diretto dall’americano Tacopina. Il cambio di guida tecnica da Pep Clotet a Roberto Venturato non ha dato i frutti sperati. Gli spallini galleggiano a ridosso della zona pericolosa della classifica. 15° posto, l’ultimo disponibile per una salvezza diretta. 35 punti sin qui conquistati ma con la lanciatissima Alessandria (la prima delle squadre attualmente ai playout) a sole 2 lunghezze di distanza.

Per il Brescia ci sarà la spinta del pubblico e quella di Andrea Caracciolo. La sfida contro gli emiliani sarà anticipata dal saluto-tributo all’ex capitano da parte del pubblico del Rigamonti. Senza pensieri ne calcoli la formazione di Corini deve puntare solo ai tre punti consapevole che un passo falso, anche un pareggio, sarebbe pietra tombale sulle chance di promozione diretta.

I commenti sono chiusi, ma riferimenti e pingbacks sono aperti.

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi e esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. Accetta Leggi altro

Privacy & Cookies Policy