BRESCIA, MERCATO DI GENNAIO ALLE PORTE: CHI VA E CHI RESTA…

539

Mancano solamente due gare delle quali una di recupero prima della fine del 2019. Un anno inteso per il Brescia vissuto tra la gioia infinita per il ritorno in Serie A ed un inizio d’avventura nella massima categoria con tante difficoltà. La fine di dicembre e l’inizio di gennaio coincidono con l’apertura della campagna trasferimenti invernale. Tante sono le situazioni del Brescia da monitorare.

DONNARUMMA: E’ certamente il pezzo pregiato del mercato del Brescia. Non è un mistero che l’attaccante capocannoniere della scorsa Serie B con 25 gol soffra tremendamente la panchina. La mancanza di continuità è un fattore penalizzante per Alfredo il quale starebbe prendendo in seria considerazione l’idea di cambiare casacca. Tante le pretendenti: in Serie A lo segue il Geona del nuovo ds Marroccu; in Serie B Cremonese, Benevento, Entella e Frosinone sono sulle sue tracce. Il Brescia non vorrebbe privarsi così facilmente del bomber campano. Donnarumma è valutato dal Brescia almeno tra i 4 e i 5 milioni di Euro.

TREMOLADA: Tra il fantasista ed il Brescia è rottura totale. Corini non lo utilizza nemmeno più per le esercitazioni tattiche tanto che il giocatore ha esternato, mercoledì scorso, la sua rabbia e frustrazione ad un collaboratore del tecnico bresciano. Il suo percorso a Brescia è arrivato alla fine con tanti rimpianti da ambo le parti. In estate era stato il Livorno a cercarlo con i toscani a bussare anche ora alla porta del Brescia per puntare ad avere un giocatore di categoria per cercare la salvezza in Serie B.

CURCIO: Stesso discorso fatto per Tremolada vale anche per il brasiliano. Ormai fuori da ogni possibilità di rientro in rosa il giocatore spesso di allena a parte con il fantasista italiano. Nel suo futuro non è esclusa alcuna ipotesi: Italia ma anche qualche società brasiliana lo stanno monitorando.

MOROSINI: “Leo” vorrebbe giocare di più. La sua voglia si vede in ogni allenamento dove cerca (invano) di mettersi in luce agli occhi di Corini. Il suo attaccamento alla maglia è unico ma le prospettive di giocare di più potrebbero portarlo altrove. Molto del suo futuro dipenderà da cosa farà Donnarumma e da cosa farà Matri. Boscaglia all’Entella ha già strizzato l’occhio all’attaccante…

MATRI: Il Monza di Berlusconi sogna il grande colpo per dare l’assalto alla Serie B. Difficile che Matri possa scendere di categoria…un doppio salto non ben visto dal pupillo di Cellino. Vero è che nelle gerarchie non è tra le prime scelte e il suo apporto praticamente nullo fino ad ora non può servire alla causa del Brescia

SEMPRINI: Il giovane terzino deve ancora esordire in Serie A. Chiaro l’intento della società di cercare una soluzione per farlo andare a giocare e fare esperienza

MAGNANI: Oggetto di discussione sin dal suo arrivo tanto conclamato. Poche presenze e non sufficienti potrebbero far pendere l’ago della bilancia verso un suo clamoroso addio già a gennaio….

ZMRHAL: E’ l’autentico oggetto misterioso della squadra. Pochissime apparizioni e per pochi minuti. Corini lo ha apertamente criticato prima della gara con il Lecce chiedendo maggiore impegno. Un adattamento al calcio italiano ancora prossimo allo zero…

BALOTELLI: Ultimo ma ovviamente non per importanza. Mario Balotelli con la nuova cura Corini sembra aver trovato il bandolo della matassa per essere un giocatore chiave dello scacchiere tattico del tecnico bresciano. Le ultime prestazioni con Spal e Lecce hanno alzato notevolmente l’umore del giocatore sempre più convinto a restare e provare a salvare il Brescia per poi sognare la convocazione agli Europei. Il mercato attorno a Super Mario è sempre vivo ma nel suo interesse, manifestato anche a qualche amico e sui social, è quello di restare in biancoazzurro!

I commenti sono chiusi, ma riferimenti e pingbacks sono aperti.

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi e esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. Accetta Leggi altro

Privacy & Cookies Policy