BRESCIA MERITA DI TORNARE A RUGGIRE

57

TIFOSI E SQUADRA UNITI POSSONO SUPERARE IL MOMENTO DIFFICILE, IN ATTESA DELLE DECISIONI DI CELLINO

Sono tempi duri per chi ama il Brescia. Nubi dense e nere si stanno formando sempre più sulla squadra più blasonata della nostra città. Le ultime settimane hanno messo a dura prova i sentimenti di chi ama le rondinelle. Viene difficile pensare positivamente quando la proprietà vacilla e la squadra delude le attese sul campo. L’incognita sulla gestione Cellino mina la serenità di chi possiede il Dna biancoblù. Resta o vende? Rilancia oppure abdica? Una trama degna del miglior William Shakespeare. Solo l’imprenditore sardo conosce la verità, celata fino ad ora a tutti: collaboratori e tifosi. Il che non giova affatto alla serenità di club ultra centenario come il Brescia, ad una città affamata di calcio e desiderosa di successi sportivi. I tifosi chiedono rispetto per il proprio amore e la propria passione, chiarezza nei programmi a breve e lungo termine perché, come più volte dichiarato: “Società, presidenti e giocatori passano: ciò che non tramonterà mai sarà l’amore per questa squadra e questa maglia”. Impasse a travolgere inevitabilmente anche la squadra chiamata a ritrovarsi dopo il lungo periodo di astinenza da vittorie. Tra campionato e coppa nazionale il Brescia non vince da otto partite: un’eternità! Pep Clotet deve ritrovare la via smarrita. I tre punti mancano come il pane, come l’aria che respiriamo. L’ultima boccata d’ossigeno era arrivata con l’1-0 casalingo contro il Benevento firmato da Flavio Bianchi. Era il 16 settembre, una vita fa. In un momento delicato come quello vissuto c’è bisogno di una scintilla pronta a riaccendere il fuoco della passione. Eppure l’assenza di risultati non ha portato a contestazioni alla squadra da parte del tifo organizzato. Al contrario i supporters delle rondinelle hanno sempre sostenuto (in casa e in trasferta) incondizionatamente il gruppo allenato da Clotet. Cori e slogan solo contro la proprietà ma estrema e sincera vicinanza alle difficoltà di Bisoli e compagni. Chapeau! Oggi più che mai è difficile tifare Brescia ma insieme e uniti, tifosi e squadra, sarà più facile superare i momenti difficili. In attesa che Massimo Cellino sveli i propri piani e metta sul tavolo le carte perchè Brescia merita di tornare a ruggire.

Fabio Pettenò

Da Brescia Stadio

I commenti sono chiusi, ma riferimenti e pingbacks sono aperti.

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi e esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. Accetta Leggi altro

Privacy & Cookies Policy