BRESCIA, PANCHINA: CORSA A QUATTRO

259

PROBLEMI PER COSMI NEL LIBERARSI DAL RIJEKA, CONTATTI CON ZENGA MA I TIFOSI SOGNANO IACHINI

Sono quattro le candidature alla successione di Pep Clotet sulla panchina del Brescia. Il tecnico spagnolo non è ancora stato ufficialmente esonerato, lo sarà al momento della scelta del nuovo allenatore. In lizza per la sua sostutizione ci sono Serse Cosmi, Walter Zenga, Beppe Iachini e Daniele Gastaldello.

Massimo Cellino ha fretta, vuole nominare il prima possibile il sostituto. Il presidente del Brescia, è ancora a Londra con la famiglia ma è in costante collegamento telefonico con i suoi dirigenti.

Serse Cosmi rimane la prima scelta. Il problema nasce dalla resistenza del Rijeka nel liberare l’allenatore di Ponte San Giovanni. L’allenatore ha un contratto in scadenza al 30 giugno 2024. Per la rescissione ballano circa 200 mila euro: denaro che Cellino non vuole sborsare di tasca propria. Braccio di ferro, quello tra Cosmi ed i croati, a spazientire il presidente.

Per questo è stato sondato Walter Zenga. L’allenatore milanese è libero da vincoli contrattuali è si è detto pronto a guidare la squadra. Più defilata c’è la candidatura di Beppe Iachini, il più esperto dei quattro con ben 4 promozioni in carriera e numerose salvezze straordinarie. Ultima carta è quella di Daniele Gastaldello. Il vice di Pep Clotet conosce l’ambiente e i giocatori ma manca totalmente d’esperienza.

Oggi intanto alle 11 c’è in programma l’allenamento. Chi lo dirigerà? Non si esclude possa essere spostato al pomeriggio oppure essere guidato da Davide Possanzini. L’allenatore della Primavera, fuori dai giochi per la panchina, fungerebbe da semplice traghettatore in attesa di comunicazioni ufficiali.

I commenti sono chiusi, ma riferimenti e pingbacks sono aperti.

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi e esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. Accetta Leggi altro

Privacy & Cookies Policy