CLAMOROSO: SASSUOLO-BRESCIA NON SI DOVEVA GIOCARE

992

L’edizione online di Repubblica racconta un importante retroscena della sfida tra Sassuolo e Brescia, l’ultima gara giocata dalle rondinelle in campionato e di fatto l’ultima della massima Serie prima dello stop.

“Si è scoperto infatti che il padre di un dipendente, che era entrato in contatto coi calciatori, era stato ricoverato perché positivo al Covid 19. C’erano state feroci discussioni e qualcuno non voleva scendere in campo. Alla fine si era giocato, ovviamente a porte chiusissime, ma con molte paure”.

L’analisi di Repubblica entra nello specifico in vista della ripresa:

“Questo per dire la gravità della situazione: la Lega di A sta facendo di tutto per tornare in campo il 30 maggio, 84 giorni dopo quella partita. Ma bisognerà farlo nelle più totali condizioni di sicurezza perché basterebbe un padre positivo di un qualsiasi protagonista dei circa 2500 che saranno coinvolti ogni giornata di campionato per fare saltare tutto”.

Ricordiamo che potete giocare al nostro quiz per vincere la maglia autografata di Sandro Tonali

I commenti sono chiusi, ma riferimenti e pingbacks sono aperti.

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi e esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. Accetta Leggi altro

Privacy & Cookies Policy