AFRICA ECO RACE: MEDAGLIA D’ARGENTO PER BOTTURI

73

IL PILOTA BRESCIANO FRENATO DA UNA PENALITA’: “QUESTI SONO I REGOLAMENTI E BISOGNA RISPETTARLI”

Ancora un podio, ancora una soddisfazione, ancora la gioia di raggiungere il
tanto ambito e desiderato traguardo del Lago Rosa. Alessandro Botturi ha chiuso la sua quarta
Africa Eco Race secondo assoluto: dopo le due vittorie nel 2019 e nel 2020, e il secondo nella classe
bicilindrici del 2022, il campione di Lumezzane assaggia di nuovo il piacere del podio assoluto,
accanto al suo compagno di squadra, Pol Tarres ma dietro al vincitore Jacopo Cerutti su Yamaha.
Il Ténéré World Raid Team piazza le sue due Yamaha sul podio, in seconda e terza posizione al
termine di una battaglia esaltante che si è combattuta durante tutti i dodici giorni di gara, senza
esclusione di colpi. Un giorno dopo l’altro, oltre 6000 chilometri di percorso fatto di piste, sassi,
tantissimi, e sabbia, oltre alle splendide dune della Mauritania ma anche del Marocco.
Il ritmo impresso dai due alfieri su Ténéré 700 insieme ai loro principali avversari è stato altissimo
fin da subito e il limite di velocità imposto a tutti i partecipanti moto di 150 km/h ha sicuramente
tarpato le ali a veicoli che possono raggiungere tranquillamente velocità molto più elevate: “Ma
questi sono i regolamenti e bisogna rispettarli – conferma un Alessandro Botturi sorridente sul
traguardo – e devo dire che in diverse occasioni abbiamo fatto suonare la nostra strumentazione”.
Quando infatti ci si avvicina al limite stabilito la strumentazione di sicurezza montata su ogni
veicolo di corsa avvisa con un sonoro bip che si sta per passare il limite, incappando in una
penalità, e ci sono state speciali in cui il bip ha trapanato le orecchie dei concorrenti. “Sono
contento – esclama Botturi appena esce dall’ultima speciale, ancora in suolo mauritano. – Molte
persone potrebbero pensare che sono triste, o deluso per il secondo posto, ma io invece so che ho
fatto un ottimo lavoro e ho ottenuto un bel risultato. Ho dimostrato a tutti quanto valgono le nostre
Ténéré, cosa possiamo fare in gara e ho sostenuto il ritmo elevatissimo che abbiamo imposto fin dal
principio”. Con medie che superavano i 125 km/h i primi tre piloti hanno creato un bel buco alle
loro spalle e alla fine la 15. Edizione dell’Africa Race ha vissuto sulla battaglia delle tre
bicilindriche. “Nella sabbia abbiamo fatto fatica – ammette il Bottu – e quando la moto si corica da
un lato, oppure cadi, per tirarla su fai una bella fatica, specie con il caldo degli ultimi giorni, ma è
stato comunque divertente e abbiamo dato del gran gas, sempre”. Con Pol Tarres al suo fianco
ancora una volta Botturi ha dimostrato la sua potenza e soprattutto la sua familiarità con un
deserto che sembra non avere più segreti per il bresciano. “La gara è stata come sempre bellissima,
e la navigazione ci ha messo a dura prova tutti i giorni, anche nell’ultima speciale. Siamo sempre
stati concentrati e sbagliare un wpt poteva essere fatale ai fini della classifica. Peccato per l’eccesso
di velocità proprio verso fine gara: ho commesso un errore, lo so e lo riconosco, ma non mi era mai
accaduto prima. Quei sei minuti ovviamente sono pesati molto sulla classifica finale, e chissà, senza
quelli fino all’ultimo ce la saremmo potuti davvero giocare”. Ma se la sono comunque giocata lui e
Jacopo Cerutti, fino all’ultimo metro e tutti gli appassionati non smetteranno mai di ringraziarli
per le emozioni che ci hanno regalato.

Fonte: Ufficio Stampa Alessandro Botturi

I commenti sono chiusi, ma riferimenti e pingbacks sono aperti.

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi e esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. Accetta Leggi altro

Privacy & Cookies Policy