BRESCIA DA BRIVIDO AD ASCOLI: VA SOTTO 2-0 MA RIMONTA E VINCE 3-2

367

Un Brescia da brivio vine in rimonta una gara rocambolesca ad Ascoli. La squadra di Inzaghi batte quella di Sottil per 3-2. Sotto 2-0 dopo 20′ di gioco la formazione biancazzurra riesce a ribatare il punteggio grazie ad una grande forza di volontà e ai cambi di Inzaghi dalla panchina.

Inizio promettente da parte del Brescia. Grande aggressività da parte della squadra di Inzaghi anche se l’occasione più ghiotta era sui piedi dell’Ascoli. Joronen deviava una botta di Dionisi e Mateju si immolava sulla ribattuta di Fabbrini. Al 17′ arrivava il gol dell’Ascoli. Errore di Cistana nel controllare la palla, Dionisi non ci faceva pregare andando a pescare il sette alle spalle di Joronen. Il gol smarriva le certezze del Brescia. E così al 22′ Felicioli trovava il pertugio per battere nuovamente Joronen. Nell’occasione grave errore di posizionamento e poca cattiveria della difesa. Emblematico Van de Looi che sulla finta si gira di schiena! Nel finale il Brescia rimetteva in carreggiata la partita grazie al destro deviato di Cistana che bacia il palo e si infila alle spalle di Leali.

Nella ripresa Inzaghi inseriva Palacio per Mateju. Il Brescia spingeva subito il piede sull’acceleratore. In pochi minuti la formazione di Inzaghi creava due buone occasioni da gol con Palacio e Leris. In quest’ultima ottima risposta di Leali in corner. Inzaghi pescava ancora dalla panchina inserendo Bisoli e Moreo per Bajic e Jagiello.

Mossa a portare al pareggio di Chancellor di testa. Il venezuelano metteva alle spalle di Leali un pallone che aveva toccato la traversa. Era il gol del 2-2! L’ingresso di Moreo segnava la svolta. L’attaccante si procurava un calcio di rigore che Pajac trasformava all’incrocio per il 3-2 ed il sorpasso sull’Ascoli. Nel finale Inzaghi inseriva anche Mangraviti per blindare la vittoria. Proprio Mangraviti rischiava mancando una chiusura di testa permettendo all’Ascoli l’occasione del pareggio. Dopo 7′ di recupero il triplice fischio sanciva il successo delle rondinelle.

I commenti sono chiusi, ma riferimenti e pingbacks sono aperti.

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi e esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. Accetta Leggi altro

Privacy & Cookies Policy