BRESCIA-REGGINA: LE PAGELLE DI CALCIO TECNIKO

251

JORONEN 6 ½ CASSAFORTE

4 partite zero gol subiti; questo in senso esemplificativo il giusto riassunto dell’andamento della squadra e più nello specifico dell’apporto determinante del portiere nordeuropeo. Questo specifico dato va condiviso con l’intera squadra e reparto difensivo, ma il vero primo fautore e la vera sicurezza vanno trovati e riconosciuti in primis proprio a lui. Mai in difficoltà nelle scelte, sicuro nelle uscite e pulito quando si tratta di far partire l’azione dal basso. Sicurezza!

KARACIC 7 GUERRIERO

Abnegazione e continuità di prestazioni stanno caratterizzando l’andamento di questo ragazzo a cui ormai Clotet ha affidato con continuità la fascia destra. Particolarmente attento sui raddoppi e ripiegamenti difensivi, anche se in più di un occasione sbaglia semplici disimpegni che fortunatamente il reparto offensivo Reggino non sfrutta adeguatamente. Rendimento fisico continuo per tutto l’arco della gara. Si affaccia timidamente tuttavia in fase di attacco, alla linea difensiva avversaria, un concetto su cui dovrà continuare a lavorarci con serenità e convinzione.

CISTANA 7 VETERANO

Vedere e ammirare come Andrea si sia inserito in modo determinante dal suo rientro è stata manna dal cielo, constatare come sia diventato così imprescindibile un semplice e visibile dato di fatto. Gioca con lo spirito e la naturalezza di un giocatore navigato, tiene alta la linea difensiva,soprattutto nel secondo tempo. Affina ulteriormente il feeling appena instaurato con il compagno di reparto venezuelano e si contraddistingue positivamente nelle scelte degli anticipi contro Rivas e compagni. Fondamentale.


Sei un vero tifoso del Brescia? Ami calcio, basket, pallavolo, pallamano o pallanuoto? Allora stai cercando la T-Shirt del tifoso bresciano in cotone! Unisex di colore blu con motivo Leonessa e scritta Brescia. Adatto a ogni appassionato di tutti gli sport!

CHANCELLOR 6 ½ RITROVATO

Crescita positiva anche per lo “spilungonone” difensivo numero 4. Ha acquisito sicurezza e fiducia nei propri mezzi e ha diminuito esponenzialmente quegli errori che fino ad un recente passato pesavano sul suo giudizio. Lui e Cistana Martella e Karacic formano, per il momento, una base difensiva funzionale e funzionante. Sbaglia decisamente poco sian in fase di marcatura sia in fase di appoggio per condividere palleggio ed ovviare al pressing avversario. Bene in diverse occasioni le uscite palla al piede a cui partecipano insieme a lui Martella e Van De Looi. Ancora da affinare quelle marcature preventive che potrebbero evitare di trovarsi scoperti durante le ripartenze avversarie.

MARTELLA 7 PENDOLINO

Voto decisamente positivo anche per il laterale siciliano, che dimostra un ottima condizione fisica e una lucidità mentale ritrovata. Molte le scelte positive in fase di chiusura dove effettua diagonali impeccabili e copre la linea difensiva in maniera netta e marcata. A differenza di Karacic si sgancia matematicamente e si presenta bene attaccando la linea di fondo offensiva proponendo cross pericolosi come in occasione della conclusione di Ayè su sua proposta al minuto 36 che finisce sulle mani del portiere avversario Nicolas.

BISOLI 6 ½ PILASTRO

Il capitano , anche quando sembra non partecipar attivamente alla manovra dei compagni ha la capacità e la caratteristica di farsi sempre trovare al posto giusto al momento giusto. Parte come mezzala in un centrocampo ormai collaudato che lo vede coinvolto insieme all’islandese e  all’olandese. Finisce, prima di essere sostituito dal tecnico come quarto di destra, altra posizione che ricopre con grande intelligenza ed efficacia. Meno visibile contro i calabresi il suo apporto e supporto in fase di inserimenti, ma avere Dimitri in squadra è un lusso che in cadetteria può fare la differenza.

VAN DE LOOI 7 OLANDESE VOLANTE

Minuto 46 respinta della difesa calabrese a seguito di tentativo di Karacic su rimessa laterale di guadagnare profondità alle spalle della difesa, il regista bresciano arriva sul pallone, con uno stop orientato si prepara alla conclusione di sinistro da fuori area e con precisione infila il pallone della vittoria nell’angolo basso alla destra di Nicolas. Gol che vale 3 punti e quarta vittoria consecutiva. L’olandese che corre verso la bandierina opposta esultando a braccia aperte è la cartolina migliore che tutti i tifosi potessero aspettarsi nella serata del Rigamonti. Tom si sta ritagliando sempre più un ruolo di protagonista nello schacchiere di Clotet. Decisamente migliorato anche in fase di possesso e scelta di cambio gioco. Muove la palla spesso di prima cercando e trovando i due trequartisti alle spalle di Ayè.

BJRNASON 7 GARANZIA

Diventato ormai insostituibile e di sicura affidabilità, l’islandese in sordina da inizio campionato ha lavorato sempre a testa bassa e si è meritato di diventare a suon di prestazioni e gol pesanti una pedina imprescindibile nel centrocampo a 3 del Brescia. Intelligente e duttile il suo apporto in fase di triangolazioni con Martella e Jagiello non si risparmia mai neanche quando si tratta di fare “legna” e metterci gamba e cuore. Lascia il campo forse prima del dovuto lasciando spazio a Labojko. Sempre più leader per questa squadra e per questo tecnico.

JAGIELLO 6 POCO ISPIRATO

Non una prestazione da incorniciare per il “nuovo” trequartista di Clotet. Agisce per lo più nella zona di sinistra dove collabora bene con Bjrnason e Martella. Batte punizioni laterali e calci d’angolo e cerca di farsi trovare libero per riuscire ad offendere in maniera netta la linea difensiva calabrese. Nessuna conclusione degna di nota. Bello l’assist che lo vede protagonista dove Karacic al minuto 29 taglia in diagonale l’area avversaria ma non riesce ad impattare e a concludere in porta.

RAGUSA 6 A PICCOLI PASSI

Schierato trequartista insieme al polacco, per supportare Ayè ed incidere come ormai da tempo tifosi e staff si aspettano da lui. Uno dei pochi che ha la capacità e la naturalezza di poter saltare facilmente gli avversari in duelli personali, il siciliano non riesce a convincere totalmente. Sembra che si estranei spesso e volentieri e non riesca a dare quella continuità di rendimento che potrebbero garantire imprevedibilità e qualità a tutta la squadra. Lascia il posto a Donnarumma al minuto 74

AYE’ 6 GENEROSO

Prestazione come sempre altruista pr il francese che costituisce il terminale offensivo delle rondinelle. Con la Reggina non ha la capacità e la bravura di costituire un vero e proprio pericolo. Qualche buona sponda per i compagni non bastano per lasciare il segno. Resta sempre un atteggiamento combattivo da parte sua, pressando e sacrificandosi in fase di non possesso.


Desideri portare ovunque la tua passione? Lasciati conquistare dalla nuova felpa del tifoso bresciano. Dedicata a tutti i supporter della Leonessa d’Italia.

PAJAC 6 ½ DUTTILE

Rileva Jagiello al 68simo quando il tecnico decide di rivoluzionare centrocampo e attacco passando ad un elementare 4-4-2 dove l’ex cagliari ha il compito di ricoprire la fascia sinistra. Bene in entrambe le fasi, confermando di essere di sicuro affidamento. Non disdegna di proporsi in fase di conclusione e di spinta.

LABOJKO 6 SOLDATINO

Entra e rileva Bjrnason e con Van De Looi diventa doppio mediano a copertura della difesa. Si incaponisce in un paio di occasioni portando palla e perdendola, ma quando si tratta di dar manforte alla squadra è di sicura affidabilità.

DONNARUMMA S.V.

Minuto 74 rileva Ragusa e si posiziona insieme all’islandese nella zona più avanzata del campo Per rivedere il vero Alfredo dovremmo aspettare ancora e in questo il tecnico spagnolo deve avere un ruolo fondamentale. Nulla di particolare caratterizza la sua entrata in campo se non il trattamento piuttosto duro che gli riservano i difensori avversari, confermando cosi di conoscere il suo valore e di volerlo momentaneamente colmare.

FRIDJONSSON S.V.

Resta un oggetto misterioso l’attaccante entrato al posto di Aye’ al minuto 74. Le sue caratteristiche fisiche sono ben visibili, quelle tecniche ancora non appieno. La speranza è che un giocatore di quelle caratteristiche possa diventare utile e performante per l’intero ambiente oltre che per se stesso.

GHEZZI S.V.

Minuto 85 sostituisce il capitano Bisoli e si posizione laterale a destra. Pochi minuti a sua disposizione ma ottimo il suo approccio, spinge e ripiega. Il ragazzo ha molta voglia di mettersi in mostra.

CLOTET 7 SCOMMESSA VINTA?

I risultati sono dalla sua parte e parlano di un allenatore che in punta di piedi sta conquistando consensi e punti in classifica. La sua mano si vede eccome in diverse situazioni e comportamenti tattici dell’intera squadra. La sua pacatezza probabilmente molto bene ha fatto ad un ambiente che fino a prima del suo arrivo è stato più volte sollecitato e messo in discussione. Preziosissimi punti in chiave salvezza conquistati, ed ora siamo tutti curiosi di vedere come lo spagnolo riuscirà a motivare e a ricercare nei suoi ragazzi quello spirito misto a leggerezza per riuscire a scalare ulteriormente posizioni in classifica e a dare sempre di più un significato diversa alla stagione in corso.

Di Nicola Silvestri – Calcio TecNiko Academy

I commenti sono chiusi, ma riferimenti e pingbacks sono aperti.

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi e esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. Accetta Leggi altro

Privacy & Cookies Policy