CELLINO, SEGNALI DI STANCHEZZA. PROCESSO RINVIATO AL 31

508

“Mi sento ormai un ospite sgradito in casa di altri. E questo non mi piace. Tirate voi le conclusioni”. Sono frasi riportate dal Giornale di Brescia in edicola oggi espresse da Massimo Cellino nel giorno dell’udienza al Tribunale di Brescia che lo vede coinvolto.

Come raccontato il presidente si è presentato quando l’udienza era già iniziata. «Sono qui per rispetto della magistratura, anche se non capisco
dove vogliano arrivare»
ha detto il patron biancazzurro.


Desideri portare ovunque la tua passione? Lasciati conquistare dalla nuova felpa del tifoso bresciano. Dedicata a tutti i supporter della Leonessa d’Italia.

L’udienza è stata rinviata al 31 marzo. Il giudice del Riesame ha concesso termini a difesa ai legali degli indagati, che potranno visionare i nuovi atti depositati ieri mattina dal pm titolare dell’inchiesta che contesta, a vario titolo, una serie di reati fiscali, dall’esterovestizione all’evasione passando
per l’autoriciclaggio.

Un presidente stanco a non nascondere la delusione per una situazione legata al calcio e alla vita privata di certo non facile: «Se sto pensando all’addio? Ero convinto di trovare una città diversa. Non ci sto più a fare l’ospite sgradito in casa d’altri»

I commenti sono chiusi, ma riferimenti e pingbacks sono aperti.

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi e esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. Accetta Leggi altro

Privacy & Cookies Policy