CORONAVIRUS: SERIE A, NUOVI CASI. IMPOSSIBILE RIPARTIRE

261

Aumentano i casi di contagio da coronavirus in Italia. Dopo i casi di Daniele Rugani della Juventus e quello di Manolo Gabbiadini della Sampdoria sono stati dichiarati i quattro nuovi casi di contagio nello stesso club blucerchiato ai quali si è aggiunto quello di Vlahovic della Fiorentina. Positivj, nel club blucerchiato Omar Colley, Albin Ekdal, Antonino La Gumina e Morten Thorsby.

Squadre in quarantena per 10/15 giorni. Juventus, Inter e Sampdoria hanno già messo i loro giocatori a riposo forzato. Stesso ha fatto la Fiorentina e l’Udinese. La possibile ripresa del campionato ipotizzata per l’inizio di Aprile (weekend del 4-5) per effetto del decreto ministeriale a decadenza 3 aprile sembra però essere lontana. Impossibile ad oggi ripartire.

Tutte le squadre di Serie A hanno fermato l’attività: niente allenamenti, giocatori a casa, niente pallone. Il Brescia dovrebbe (condizionale d’obbligo) riprendere il 18 ma stante la situazione nella nostra provincia è probabile una proroga di un’altra settimana. Inter, Juve e Sampdoria torneranno ad allenarsi almeno dopo il 25 marzo. Data troppo a ridosso con il weekend indicato per la ripresa. Impossibile pensare di giocare

C’è da giurare che la ripartenza slitterà certamente arrivando ad una verosimile data di fine aprile primi di maggio. Se così fosse significherebbe che l’Italia è fuori dalla crisi sanitaria e per tutti sarebbe una grande vittoria. Al vaglio ci sono molte possibilità per la ripresa della stagione invocata dalla Lega di Serie A più preoccupata a quanto pare ai mancati guadagni che per la salute dei giocatori.

La Lega di Serie A vuole concludere la stagione. Un aiuto potrebbe arrivare dallo slittamento al 2021 degli Europei libererebbe spazio in estate per portare a termine il campionato. Ma per ora si tratta solo di supposizioni. Al primo posto non c’è il calcio ma la salute!

I commenti sono chiusi, ma riferimenti e pingbacks sono aperti.

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi e esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. Accetta Leggi altro

Privacy & Cookies Policy