GP MONZA: VERSTAPPEN VINCE DAVANTI A LECLERC

30

L’OLANDESE VINCE, IN REGIME DI SAFETY CAR, PER LA PRIMA VOLTA A MONZA DAVANTI AL MONEGASCO

Per la prima volta in carriera Max Verstappen vince il Gran Premio d’Italia. L’olandese della Red Bull ruba la scena all’idolo di casa Charles Leclerc “costretto” ad accontentarsi della seconda posizione. Terza posizione per George Russell. Quarta l’altra rossa di Maranello con Carlos Sainz autore di una grande rimonta partendo dal fondo.

Beffa e delusione per i tifosi del cavallino rampante. La pole position di sabato aveva acceso le speranze di vedere una Ferrari sul gradino più alto del podio a Monza. Ma così non è stato. La prestazione monstre di Max Verstappen, partito dalla terza fila e vincitore sotto la bandiera a scacchi, non fa una piega. Da recriminare c’è la scelta del muretto box Ferrari di richiamare ai box Leclerc per un cambio gomme molto anticipato. La finta in stile calcistico dei meccanici della Red Bull mandava in crisi il muretto box guidato da Mattia Binotto che cadeva nel tranello. Verstappen ne approfittava e volava verso la vittoria.

(Ph by Bresciasport.net)

La beffa per i tifosi ferraristi arrivava nei giri conclusivi quando la safety car entrava per aiutare i marshall a togliere dalla pista la McLaren di Daniel Ricciardo piantata sull’asfalto. E così sotto il podio sospeso di Monza i tifosi della Ferrari si dovevano accontentare del secondo posto di Leclerc, osannato a più riprese con numerosi cori da stadio. Poco sportivi i fischi ad un grande Max Verstappen.

(ph by bresciasport.net)

Termina così un weekend da oltre 300 mila persone presenti all’autodromo brianzolo dove la passione è di casa. La speranza è che il tempio della velocità possa adeguarsi alle richieste della federazione dell’automobile e a Liberty Media ottemperando alla sistemazione di molte zone del circuito agevolando lo spettacolo da vivere sugli spalti.

I commenti sono chiusi, ma riferimenti e pingbacks sono aperti.

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi e esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. Accetta Leggi altro

Privacy & Cookies Policy