ZMRHAL IL REDIVIVO: MA DOVE È STATO FINO AD ORA?

548

Minuto 93′ della sfida con la Spal. Apertura in area di rigore per Zmrhal. Siamo un po’ defilati sulla destra dalla porta difesa da Letiza, estremo dei ferraresi. L’ex capitano dello Slavia Praga non ci pensa sue volte e calcia di potenza e precisione con la palla ad infilarsi nell’angolino basso alla sinistra del portiere. Un gol bellissimo a fare esplodere di gioia il Brescia e Jaromir Zmrhal. Il giocatore ceco ha appena segnato la sua prima doppietta in Serie A.

Due gol pesanti per tenere viva la corsa salvezza delle rondinelle. Due reti a dimostrare che qualcosa di buono in questo giocatore c’è. 17 presenze totali in un campionato dove, almeno nella prima parte, Zmrhal è sembrato essere il classico oggetto misterioso. E’ stato soprattutto sotto la gestione Corini che il calciatore ceco non è riuscito ad imporsi. Quasi mai preso in considerazione c’è voluto l’arrivo di Diego Lopez per dare delle chance ad un ragazzo che ha dimostrato di poterci stare.

In silenzio Jaromir ha atteso il suo momento. forse tardivo il risveglio dal lungo letargo ma basta e avanza per avere ora, in questo finale di stagione, una freccia in più nell’arco del Brescia. Solo 760 minuti giocati in Serie A con quei due gol segnati alla Spal che lo hanno ora messo nuovamente alla ribalta.

Di lui ci si ricorda addirittura l’esclusione iniziale dal ritiro a Roma di questo inverno. Chiamato all’ultimo Zmrhal aveva in silenzio accettato l’ennesimo accantonamento. Ora la rinascita (tardiva) ma pur sempre di rinascita si deve parlare. Il redivivo Zmrhal è pronto a questo finale di stagione e anche nel futuro può essere una pedina sulla quale ripartire.

I commenti sono chiusi, ma riferimenti e pingbacks sono aperti.

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi e esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. Accetta Leggi altro

Privacy & Cookies Policy