BRESCIA, AYE: “DIFFICILE VIVERE LONTANO DA TUO FIGLIO”

311

Florian Ayè è stato uno degli acquisti estivi del presidente Massimo Cellino. L’attaccante francese ha avuto molte difficoltà nell’adattarsi al calcio italiano. Dopo essere stato uno delle giovani promesse del campionato francese, il giovane 23enne non è riuscito ad imporsi nella Serie A italiana con la maglia del Brescia. Per sua stessa ammissione…

I primi mesi, ho lottato. Era necessario adattarsi a una nuova cultura, imparare una nuova lingua, comprendere nuove modalità di gioco … Non è semplice, soprattutto quando si è soli, lontano dalla sua famiglia e dai tuoi amici”

“Essere soli è una cosa, ma essere lontani da mio figlio è un’altra. Lo vedo solo durante le vacanze scolastiche. I miei genitori e una delle mie sorelle hanno fatto il viaggio in Lombardia finora, in modo che potessimo vederci. Mio figlio fa parte di me. Inoltre, mi sono sentito più a mio agio con la squadra da quando l’ho visto a Natale. Tenerlo tra le braccia dopo 6 mesi mi ha fatto molto bene. Mi ha dato una dose di amore e una forza per attaccare di nuovo“.

“Ciò che stiamo attraversando in questo momento è terribile. Da parte mia, è un po ‘frustrante perché avevo iniziato un mese o due fa per mostrare davvero di cosa ero capace. Siamo stati confinati per 3 settimane ormai. Nessuno sa quando riprenderemo e soprattutto se riprenderemo. I campi passano dopo, perché la cosa più importante è che tutti usciamo da questa crisi. Ma è vero, mi manca la palla e mio figlio

I commenti sono chiusi, ma riferimenti e pingbacks sono aperti.

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi e esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. Accetta Leggi altro

Privacy & Cookies Policy