BRESCIA: CISTANA STUDIA DA GRANDISSIMO ESSENDO GIA’ GRANDE

220

Grande lo è già ma Andrea Cistana può diventare davvero grandissimo. Storia di un ragazzo serio, preparato, dotato di tecnica e senso tattico. Un vero e proprio pilastto della difesa del Brescia, perno imprescindibile nello scacchiere tattico biancazzurro da tre stagioni a questa parte.

L’escalation di Cistana è da grande giocatore. Perchè avere la caparbietà di giocare un anno nei dilettanti (Ciliverghe in Serie D) e rilanciarsi nei professionisti diventando inamovibile è qualità per pochi. Cistana non a caso è stato seguito e lo è tutt’ora dai maggiori club italiani di Serie A.

La Firentina è stata la squadra che più di tutte ha provato a strapparlo alla corte di Massimo Cellino ricevendo un secco due di picche. Troppo prezioso il gioiello di casa Brescia per privarsene velocemente. Il calciatore di Porta Cremona cersce di partita in partita dimostrando di meritare la categoria superiore.

C’era chi lo aveva criticato dopo la chiamata in Nazionale da parte di Roberto Mancini. “Si è seduto”, dicevano. Ed invece Cistana ha messo tutti a tacere sfoderando prestazioni di altissima qualità. Per essere un grandissimo deve metterci ancora qualcosa di più. Prendere Ascoli ad esempio: l’errore del gol del vantaggio di Dionisi nasce dalla troppa sicurezza dei propri mezzi. Il gol del 2-1 dello stesso Cistana è la cartina torna sole della volontà di Andrea di rimediare subito all’errore. Roba da grandi che vogliono diventare grandissimi.

I commenti sono chiusi, ma riferimenti e pingbacks sono aperti.

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi e esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. Accetta Leggi altro

Privacy & Cookies Policy