BRESCIA, NON SERVONO ALLENATORI MA IDEE E GIOCATORI

185

Si legge di un Massimo Cellino pronto ad un nuovo cambio in panchina. Sarebbe deleterio un nuovo ribaltone dopo meno di due mesi dall’insediamento di Davide Dionigi. Il tecnico chiamato a sostituire Diego Lopez ha delle colpe nelle ultime sconfitte delle rondinelle. Quella più grande dettata da continui cambiamenti di modulo e uomini. Questa squadra non ha una identità!

Ma cambiare per mettere Gastaldello in panchina, con il rispetto per l’uomo e il professionista con una sola panchina alle spalle (2-2 con la Cremonese) sarebbe come era solito fare Tafazi sulle proprie parti intime! Con Ivo Pulga come supervisore poiché Gasta sprovvisto di patentino…

A questo Brescia servono idee, stabilità societaria e uomini. Perché la mancanza di giocatori in grado di cambiare il corso delle partite è evidente. La perdita di Torregrossa è pesante e non c’è nessuno che caratterialmente e tecnicamente lo sostituisca. E in più c’è Sabelli fuori dal progetto tecnico…

Servono rinforzi in ogni reparto in grado di alzare il livello tecnico e tattico. Serve mettere mano al portafogli non per pagare un nuovo allenatore (detto che Gastaldello è sotto contratto) ma per comprare giocatori funzionali al modulo che vuole fare Dionigi.

Per questo speriamo che Cellino ragioni e freni l’impeto di chiudere una nuova porta per aprire una porticina che condurrà chissà dove…bisogna far lavorare Dionigi con serenità e materiale. Cosa che attualmente manca

Sarebbe come chiedere ad un pittore di dipingere senza colori…uscirà un quadro bianco e nero, senza anima, come il Brescia è adesso!

I commenti sono chiusi, ma riferimenti e pingbacks sono aperti.

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi e esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. Accetta Leggi altro

Privacy & Cookies Policy