CORONAVIRUS, AIC: “NESSUNO SCIOPERO MA VOGLIAMO SICUREZZA”

68

Nessuno sciopero come millantato nelle scorse ore da parte dell’Associazione Italiana Calciatori ma l’agitazione nel sindacato dei calciatori rimane alta. La domanda alla quale si cerca di dare una risposta è la solita: è giusto continuare a disputare il campionato?

“A nostro modo di vedere non ci sono le condizioni per garantire la sicurezza ai nostri associati e bisogna ridurre al minimo le nostre attività – ha spiegato il vicepresidente Umberto Calcagno-. La funzione sociale è quella di mandare il messaggio, di far capire in che stato siamo. I calciatori non sciopereranno ma la nostra richiesta è quella di sapere se è logico andare avanti. Ci devono garantire che possiamo fare spostamenti, rientrare o uscire dalle zone rosse. È ovvio che ho paura delle conseguenze di uno stop, ma devo prima di tutto garantire la salute ai nostri associati”.

I commenti sono chiusi, ma riferimenti e pingbacks sono aperti.

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi e esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. Accetta Leggi altro

Privacy & Cookies Policy