GERMANI, MAGRO: “FIDUCIA DA QUESTA VITTORIA”

38

Dalla sala stampa del PalaLeonessa, coach Magro ha dedicato la sua prima vittoria in serie A, arrivata dopo un inizio difficile, a tutte le persone che lo supportano e credono nel progetto.

Abbiamo vinto una partita in casa contro una squadra che ha tutto il mio rispetto per come gioca e per come è allenata. Loro sono arrivati qua con un livello di fiducia sicuramente diverso dal nostro visto che avevano vinto in casa con Treviso facendo una buona gara. Il potenziale offensivo che loro hanno dimostrato di avere nelle prime quattro gare si è visto anche stasera. Ci sono stati momenti in cui loro erano in difficoltà e sono riusciti a fare dei canestri importanti con giocatori di talento, come Rich. Di positivo per noi non c’è solo l’approccio ma anche il fatto di aver giocato una pallacanestro più corale. Poi tirare da 3 con il 52%, aiuta. Loro stasera hanno trovato dei buoni canestri, ma noi siamo stati più bravi del solito a continuare a giocare e a crederci. È ovvio che trovare dei canestri in attacco aiuta a mantenere il livello di fiducia. Abbiamo subito troppi punti ma se guardiamo i dati oggi ci sono 22 assist e 8 palle perse e questo aiuta a vincere le partite. Ripeto: ci prendiamo questa vittoria con grande felicità, siamo felici di averlo fatto davanti al nostro pubblico e gliela regaliamo, speriamo sia la prima di molte soprattutto in casa”.

Finalmente una squadra in fiducia e in grado di cavalcare i momenti più importanti della partita, specie nel terzo quarto:

Abbiamo avuto delle risposte finalmente da altri giocatori. Il trattamento che Napoli ha avuto con Amedeo sarà quello che probabilmente adotteranno tutte le squadre perché lui è quello con maggior talento offensivo. Stasera siamo stati capaci di trovare delle soluzioni diverse anche quando lui era in panchina o era in campo ma la palla si muoveva su altri giocatori. Mitrou-Long è stato bravo e lo è stato anche Laquintana: quando è entrato in campo si è buttato sui palloni e ha difeso. Stasera abbiamo trovato risorse da tutti, Burns ad esempio ha giocato sia da 5 sia da 4. Rispetto alle precedenti uscite abbiamo trovato un po’ più di equilibrio anche nelle rotazioni. La cosa più facile per tutti, ma non per noi, è riuscire a creare canestri più facili da una difesa. Quindi quello che dobbiamo cercare di fare è sicuramente cercare di stringere più le maglie difensive e provare ad avere canestri facili in contropiede. Però stasera sono contento perché è ovvio, se fai canestro è tutto più facile. Ma la qualità del nostro gioco è stata un pochino superiore rispetto al passato”.

Nel corso della partita contro Napoli, i ragazzi di coach Magro hanno dato prova di saper resistere:

La cosa che mi rende più orgoglioso di allenare questo gruppo è che ha dimostrato per l’ennesima volta, a prescindere dalla vittoria o dalla sconfitta, di tenerci. Anche negli errori questa è una squadra che tiene al lavoro che sta facendo e che cerca di costruire insieme. Stasera abbiamo avuto degli alti e bassi ma questo è normale, soprattutto in questo momento della stagione. La cosa che siamo riusciti a fare sempre meglio ogni partita è stato accorciare la durata del blackout che non è coinciso contemporaneamente in attacco e in difesa. Il fatto di non demoralizzarsi troppo di fronte agli errori fa la differenza. Bisogna cercare di costruire sempre e con più giocatori possibile. Oggi abbiamo avuto un po’ più disciplina che ci ha permesso di portare a casa la vittoria che volevamo fortemente e credo che abbiamo dimostrato a tutti gli spettatori che questa squadra ci tiene e non molla”.

Come ho già detto, ci vuole tempo ma anche un pizzico di fortuna perché stasera abbiamo avuto delle percentuali che non possiamo pensare di avere sempre. Però penso che questa squadra abbia dimostrato di avere dei giocatori con la voglia di lavorare. Tutti credono in quello che stiamo facendo e la speranza è quella di riuscire ad arrivare agli obiettivi che il club si è prefissato. È solo una vittoria, ma sicuramente questa partita ci dà grande fiducia, il tempo serve ma siamo sulla buona strada. Chiedo ai giocatori di cercare di affrontare la partita con la convinzione che abbiamo delle capacità per superare ogni tipo di difficoltà. Mentre a Trieste avevamo fatto un passo indietro, stasera c’è stato un passo avanti importate e spero che quel passo indietro di Trieste sia servito per prendere la rincorsa. Stasera però la squadra è rimasta compatta e questo è importante. Il potenziale non è ancora il massimo però se si gioca così si può pensare di competere”.

Importante, anche l’apporto del pubblico, il sesto uomo, che, con il proprio supporto, è fondamentale per la squadra, come ribadito più volte dal coach, soprattutto nei momenti di difficoltà.

I commenti sono chiusi, ma riferimenti e pingbacks sono aperti.

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi e esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. Accetta Leggi altro

Privacy & Cookies Policy