IL CALVISANO NON SBAGLIA E BATTE PIACENZA NEL RICORDO DI GIULIA

329

Per gli appassionati più attenti, la partita di oggi al Beltrametti di Piacenza ha insegnato una cosa fondamentale del rugby, le condizioni psicofisiche e nervose contano tanto quanto le abilità tecniche e quelle fisiche, soprattutto in un sport di combattimento come il rugby. Vittoria del Calvisano 29-31. Un successo dedicato a Giulia, la ragazza morta in un incidente stradale a Calvisano qualche giorno fa.

Ricostituire, in pochi giorni, la carica nervosa ed agonistica che ha consentito ai ragazzi di tener testa al Leicester non era un affare facile. Questo gruppo di ragazzi ci ha abituato a grandi prestazioni contro avversari di livello superiore, ma queste grandi prestazioni si sono mangiate tanta carica nervosa e agonistica.

Ci sono voluti tutto il primo tempo e gran parte del secondo per riuscire a trovare il bandolo della matassa di una partita che aveva stretto all’angolo i ragazzi di Brunello e Mor, ma alla fine il successo è arrivato.

Queste le considerazioni a fine gara di coach Massimo Brunello:

“Sapevamo di dover disputare una partita difficile a Piacenza, non tanto e solo per il valore dell’avversario, ma soprattutto per riuscire a trovare la forza mentale ed agonistica necessaria per affrontare questi avversari.

I ragazzi avevano speso tantissimo contro Leicester e una settimana per recuperare le enrgie mentali non sempre può bastare, visto che vengono da quattro partite di Challenge in cui hanno affrontato corazzate di ben altro spessore rispetto a noi.

Fortunatamente alla fine il gruppo è riuscito a ritrovarsi e a piazzare un uno-due finale che ha capovolto il risultato, riportandoci in testa alla classifica. In ogni caso al di la’ della vittoria, un pensiero mio e dei ragazzi va rivolto a Giulia, che spesso ci era stata vicina in molti eventi. Che riposi in pace!”

Dal sito web www.rugbycalvisano.it

I commenti sono chiusi, ma riferimenti e pingbacks sono aperti.

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi e esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. Accetta Leggi altro

Privacy & Cookies Policy