L’EX H’MIADAT, UNA VITA DA FILM: DAL CARCERE AL RIGAMONTI

481

26 anni compiuti il 16 giugno scorso e una vita già ricca di colpi di scena. Ismail H’Maidat ha fino ad ora vissuto una vita da film. La carriera di calciatore, un arresto, il carcere e la rinascita. Una storia degna del miglior sceneggiatore di Hollywood. Ma è tutto vero, assolutamente vero!

L’attuale giocatore del Como domenica tornerà nello stadio che lo ha lanciato nel mondo del calcio. Il Rigamonti, la sua prima casa, la sua prima casa da professionista buttato nella mischia non ancora maggiorenne. L’esordio in biancazzurro il 17 agosto del 2004 in Coppa Italia. In campo entra un ragazzino senza paura, con la classe pura nei piedi.

Il Brescia lo promuove titolare. In due stagioni H’Maidat colleziona 42 presenze ed un gol segnato al Bologna. Su di lui gli occhi dei grandi club di Serie A. La spunta la Roma che lo ingaggia nel mercato di gennaio del 2006. Al Brescia 150 mila euro e i cartellini di Emanuele Ndoj e Michele Somma. Un’operazione da 3 milioni di euro.

La Roma lo vuol far crescere, per H’Maidat inizia il lungo peregrinare in prestito. Ascoli, Vicenza, Olhanense e  Westerlo. In poco meno di 3 anni H’Maidat colleziona solamente 11 presenze. Il declino sembra inesorabile toccando il fondo con l’arresto il 13 marzo 2018. H’Maidat viene ammanettato in Belgio essendo sospettato di aver commesso cinque rapine a mano armata.

Per lui non si aprono più le porte dei centri sportivi ma quelle del carcere. 10 lunghi mesi dietro le sbarre con un solo obiettivo: dimostrare la propria innocenza. Dimostrata la sua estraneità ai fatti H’Maidat viene rilanciato ma nel frattempo la Roma ha risolto il suo contratto.

La scorsa estate ecco la chiamata del Como. H’Maidat ricomincia a giocare dimostrando di avere ancora del talento e tanta voglia di vivere una vita da uomo libero. Grazie alle sue prestazioni i lariani conquistano la promozione in Serie B ed ora è pilastro della squadra di Gattuso con un sogno: giocare in Serie A lasciandosi il burrascoso passato alle spalle e scrivendo un nuovo capitolo della sua storia da film

I commenti sono chiusi, ma riferimenti e pingbacks sono aperti.

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi e esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. Accetta Leggi altro

Privacy & Cookies Policy