RETEOSCENA BRESCIA: GROSSO VOLEVA PROSEGUIRE

1.074

Fabio Grosso aveva chiesto ancora del tempo per provare a raddrizzare la situazione. Lo aveva fatto a margine del post gara nel derby perso per 3-0 in un breve faccia a faccia con il presidente Massimo Cellino.

Il tecnico del Brescia era pronto a continuare nonostante le ostilità, il clima di grossa diffidenza nei suoi confronti e una mancanza cronica di gioco e di risultati.

Ed invece Massimo Cellino questa chance non l’ha concessa convinto di dover a tutti i costi rimediare ad una scelta rivelatasi sbagliata prima che fosse troppo tardi.

Il regno di Fabio Grosso a Brescia è durato 25 giorni. Un periodo nel quale mai il tencico è entrato nelle grazie dei tifosi. Molto è stato dettato dall’impossibilità di sostituire nel cuore e nei pensieri Eugenio Corini: troppo grande ed ingombrante la sua figura.

Molto è stato dettato dall’atteggiamento e dal modo di fare. Le mani in tasca sono divenute un marchio di fabbrica di Grosso, un simbolo di rassegnazione inaccettabile! E poi i risultati con zero vittorie in tre partite, zero gol fatti a fronte di dieci subiti. E ancora il gioco latitante, una reazione inesistente della squadra ai momenti difficili…e non ultimo il litigio con Mario Balotelli.

Se con il pubblico la scintilla della passione non è mai scattata altrettanto si può dire per la squadra. La sensazione è sempre stata di un gruppo che ha faticato ad entrare nei meccanismi e pensieri dell’allenatore.

Finisce l’era Grosso, senza aver quasi lasciato traccia….

I commenti sono chiusi, ma riferimenti e pingbacks sono aperti.

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi e esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. Accetta Leggi altro

Privacy & Cookies Policy