ADDIO A ANNA KANAKIS, INNAMORATA DELLA 1000 MIGLIA

263

L’ATTRICE E SCRITTRICE AVEVA 61 ANNI. GRAZIE AL MARITO AVEVA IMPARATO AD AMARE LA CORSA DELLA FRECCIA ROSSA

La notizia della morte di Anna Kanakis ha colto tutti di sorpresa. Il suo pubblico, le persone a lei care ma anche gli appassionati della 1000 Miglia. Già perchè Anna Kanakis era innamorata della corsa della freccia rossa. Una passione derivante da un altro amore, quello per il veneziano Marco Merati Foscarini, discendente di Marco Foscarini e sposato nel 2004 nel suo secondo matrimonio, uno degli ultimi dogi di Venezia. Foscarini è stato per anni concorrente della 1000 Miglia e Anna Kanakis la sua prima tifosa. Nei primi anni di matrimonio accompagnava il marito seduto all’interno della sua vettura d’epoca fino alla pedana di Viale Venezia nelle operazioni di partenza ed era la prima ad accoglierlo al suo arrivo a Brescia con un bacio a rievocare alla memoria quello leggendario della moglie di Piero Taruffi alla 1000 Miglia del 1957. Ma da semplice spettatrice e Vip presente alla 1000 Miglia Anna Kanakis è diventata protagonista della corsa più bella del mondo. L’esordio al fiano del marito nel’avventura rossa nel 2016 a bordo di una Porsche 356 Pre A. Una macchina recuperata dall’oblio, comperata in Florida, portata in Italia e fatta rinascere dalle mani di un artigiano bresciano del restauro. Quell’esperienza segnò per sempre il legame tra l’attrice e l’ex Miss Italia del 1977 con la 1000 Miglia.

(Ph by Sportmemory.it)

“Quell’anno la nostra macchina si ruppe a poca distanza dal traguardo e noi due, io e mio marito, siamo scesi e abbiamo iniziato a spingere perché quel traguardo doveva essere nostro. Di noi tre, perché la macchina aveva il nostro stesso respiro. Quando siamo arrivati è stata festa grande per noi, ma anche per tutti quelli che ci incitavano. Credo che mai un fuori classifica sia stato più bello” aveva confessato Anna Kanakis in una recente intervista.

L’ultima apparizione alla 1000 Miglia nel 2022 a bordo di una Jaguar XK120 del 1952 “macchina che ti toglie il fiato” ripeteva ad ogni cronista che le si avvicinava per farsi raccontare le emozioni della partenza e della vettura storica portata in gara. Edizione sfortunata quella del 2022 per Anna Kanasik e il marito, costretti al ritiro già a Sirmione.

Ieri l’inaspettato addio ad una donna dello spettacolo che ha dato tanto alla 1000 Miglia non solo espressa in termini di presenza ma di passione, amore e sentimento nei confronti di una manifestazione unica nel suo genere.

I commenti sono chiusi, ma riferimenti e pingbacks sono aperti.

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi e esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. Accetta Leggi altro

Privacy & Cookies Policy