BRESCIA, VIETATO SOFFRIRE DI VERTIGINI

64

BIANCAZZURRI PRIMI CON MERITO INSIEME ALLA REGGINA DI PIPPO INZAGHI

Nemmeno il più ardito degli ottimisti avrebbe pensato di vedere un Brescia, questo Brescia, in testa alla classifica di Serie B dopo 6 giornate. Non solo. Nessuno, immaginiamo, avrebbe pensato a 5 vittorie nelle prime sei giornate. E aggiungiamo: in pochi credevano alla bontà di questa rosa con alcune individualità pronte a sbocciare.

Così è se vi pare parafrasando frasi celebri. Il Brescia è in realtà tutto questo, un fattore d’orgoglio per società e tifosi che si godono il momento magico della formazione allenata da Pep Clotet. Un inizio incoraggiante che fa ben sperare per il proseguo della stagione in quella che da tutti è stata additata come la Serie B più difficile degli ultimi anni.

Ma nelle difficoltà e contro avversari blasonati il Brescia sembra proprio trovarsi a suo agio. Una squadra ad immagine e somiglianza del proprio condottiero, quel Pep Clotet ad aver indossato la maschera di ghiaccio fatta di poche parole e tanti fatti.

E’ un Brescia che piace e a tratti diverte. Una squadra cinica e ermetica, capace di soffrire poco ed il giusto ma allo stesso tempo in grado di pungere gli avversari e fare male. In questo scorcio di inizio stagione tanti sono gli esempi da poter portare facendo fruttare il lavoro di Clotet. La straordinaria abnegazione di Moreo, la grinta di Galazzi e Bertagnoli, il cinismo di Bianchi e la ripresa di Papetti. Ma tutti meriterebbero menzione. Per ora ci limitiamo a godere della classifica nella speranza che il Brescia non soffra di vertigini.

I commenti sono chiusi, ma riferimenti e pingbacks sono aperti.

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi e esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. Accetta Leggi altro

Privacy & Cookies Policy