SONNY COLBRELLI: “ADDIO CICLISMO, MI RITIRO”

24

L’ANNUNCIO DEL CICLISTA: “IMPOSSIBILE CONTINUARE, LA VITA VALE DI PIU”

Sonny Colbrelli appende la bicicletta al chiodo. Il ciclista di Casto ha deciso di ritirarsi dalle corse. Il corridore, vincitore della Parigi-Roubaix del 2021, lo scorso marzo al Giro di Catalogna aveva subito un arresto cardiaco subito dopo l’arrivo della tappa. Per questo si era dovuto sottoporre ad un intervento per installare un defibrillatore sottocutaneo. Oggi la dolorosa scelta.

Dopo quanto successo in Catalogna, la speranza di poter continuare ad essere un corridore professionista non mi ha mai abbandonato, seppur minima. Sapevo che la via del ritorno sarebbe stata difficile con un defibrillatore. In Italia non è consentito dalla legge. Con il supporto dello staff medico, diretto dal dottor Zaccaria, non mi sono arreso. Ho ripreso a pedalare sotto stretto controllo medico e ho subito diverse visite e consulenze con specialisti del settore. Tra questi, il direttore della Clinica Universitaria di Padova, Prof. Corrado, che ha seguito l’impianto del defibrillatore. E una valutazione è stata fatta anche da chi ha seguito casi simili, come il calciatore Christian Eriksen, che, come me, ha il defibrillatore e ha ripreso la sua carriera professionale. Ma il ciclismo non è calcio. È uno sport diverso; guidi per le strade. Non si gioca su un campo da calcio, dove, in caso di necessità, gli interventi dell’équipe medica possono essere tempestivi. Le loro attività di allenamento si svolgono in un’area circoscritta, mentre nel caso di un corridore ti ritrovi spesso solo per ore su strade poco trafficate”.

Fonte Androkronos

I commenti sono chiusi, ma riferimenti e pingbacks sono aperti.

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi e esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. Accetta Leggi altro

Privacy & Cookies Policy