SPETTACOLO NEL SECONDO ROUND DEL TROFEO MOTOESTATE

22

A CREMONA PIU’ DI 230 PILOTI PARTENTI: RECORD PER UNA TAPPA DEL MES

Record di iscritti per la seconda tappa dei Trofei MP Exhaust MES, che fa registrare al via ben 230 partenti. Una tappa impreziosita dalla presenza di numerosi piloti stranieri iscritti all’ Alpe Adria International Championship, che sono andati ad infoltire le classi della 300, 600 e 1000 Open. Una presenza, quella di Alpe Adria, che certifica l’ottima relazione delle federazioni parte di questo storico campionato con Sh Group, che proprio di questo campionato avrebbe dovuto essere promoter a partire dalla scorsa stagione; purtroppo l’arrivo della pandemia ha costretto a cancellare questo prestigioso progetto.

Ad aprire le danze della giornata è stata la classe 125 Moto4, unica griglia meno partecipata rispetto al primo round. I piloti in sella alle veloci 2 tempi hanno dato vita ad una bella battaglia per il podio, con un trio composto da Loris Guerrini, Emanuele Magnanelli e Federico Trubia ad allungare sin dalle prime tornate per poi contendersi le posizioni di vertice sino alla bandiera a scacchi. I tre terminano nell’ordine, rispettivamente primo della 125 open, della Moto 4 e della 125 SP. 

E’ poi la volta della Race Attack 600, alla prima su gara singola di lunghezza superiore, rispetto alla formula solita che prevede invece 2 gare a chilometraggio ridotto.  Qui i pronostici vengono rispettati, con i protagonisti del primo round che continuano ad occupare le prime posizioni anche a Cremona. E’ marco Como a prendere la testa sin dall’ avvio, seguito da Luca Coletto, William Benedet e Mattia Bettella, che progressivamente si stacca dal gruppo di testa. Alle sue spalle Daniele Bassi è leader di un gruppo di quattro piloti. I tre si invertono più  volte le posizioni, a due tornate dalla fine la classifica vede Coletto leader, seguito da Benedet e Como. Ma la bagarre è serrata e alla fine a spuntarla è Como, che chiude la corsa primo, seguito da Benedet e Coletto.

Spazio quindi alla Race Attack 1000, dove il sempreverde Nicola Ruggero prende la testa alla prima curva, seguito da Lorenzo Voch, Lazzaro Valsecchi, Andrea Crifò e Proietti. Dopo un paio di passaggi è Valsecchi a prendere la testa, con Ruggero che scala di una posizione a vantaggio di Voch, mantenendo però la leadership della classifica Naked. Dietro di lui rimangono nell’ ordine Crifò e Proietti, che terminano così rispettivamente la corsa in terza piazza assoluta della classifica Race Attack e in prima piazza assoluta della classifica Challenge. 

Bagarre senza esclusione di colpi nella 300 Supersport, dove a trionfare è Filip Juranek, in gara per la classifica Alpe Adria, che precede al fotofinish Mattia Sorrenti. L’italiano quindi vince, precedendo Emanuele Cazzaniga e Davide Bollani, che completa il podio del MES. Sono cinque i secondi dal terzetto di testa per Cristian Stringhetti e Fabio Lorenzini, rispettivamente quarto e quinto, mentre Giacomo Zannoni, vincitore ieri di gara 1 è solamente settimo.

Grande gara nella 600 Open per Luca Ottaviani, che impone la sua legge sin dai primi passaggi, riuscendo progressivamente a guadagnare metri sul sempreverde Ivan Goi, unico che prova a resistergli nel suo forcing iniziale. A metà gara al terzo posto c’è Thomas Brianti, che viaggia in solitaria con 10 secondi di svantaggio, mentre per le posizioni successive i distacchi si fanno più importanti. Certamente le mutate condizioni di temperatura rispetto a ieri non hanno aiutato i piloti a trovare il giusto setting sospensione gomma, con i soli due battistrada capaci di esprimersi utilizzando al meglio il potenziale della propria moto. Paolo Grassia, quarto è il primo della classifica stock, riservata a moto con gommatura Dunlop.

Chiude la giornata la 1000 Open, con le previsioni della vigilia rispettate. Luca Salvadori fa il vuoto sin dal primo giro, lasciandosi alle spalle il veloce Michael Filla, leader al termine della gara della classifica Alpe Adria. Terzo assoluto, dopo una bella bagarre con Filla, Michal Prasek, che tenta più volte la zampata senza mai riuscire ad affondare il colpo sul connazionale. Quarto e secondo tra le wild card Davide Eccheli, che precede Schafzahl e l’inossidabile Walter Bartolini, primo tra i piloti MES. Bella gara per lui in sella al prototipo GPM, moto agile e leggera, ma che sul lungo rettilineo di Cremona paga il gap di cavalli con più potenti 1000. Bellissima prova del giovanissimo Ale Usai, che termina la corsa ottavo assoluto, secondo della classifica MES, precedendo dopo una bella bagarre l’esperto Gabriele Perri. 

Prossimo appuntamento in terra umbra quando il MES esordirà sul Circuito di Magione a fine giugno

I commenti sono chiusi, ma riferimenti e pingbacks sono aperti.

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi e esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. Accetta Leggi altro

Privacy & Cookies Policy