TANTI AUGURI A FLACHI, GENIO E SREGOLATEZZA DEL CALCIO ITALIANO

163

Prodezze, giocate di classe, gol pazzeschi e follie. Questo è stato Francesco Flachi in carriera. Ma la debolezza dell’uomo può giocare brutti scherzi. E così Flachi, caduto in un tunnel dal quale è poi riemerso, deve scontare 12 anni di esilio dal calcio. Una squalifica in scdenza a gennaio 2022. Oggi “Ciccio” compie 46 anni dientro ad un bancone del suo locale di Firenze dove serve degli ottimi panini, lontano dalle curve, dai cori da stadio, dai campi di calcio e dai gol.

«Mio figlio vorrebbe andare allo stadio, ma io non posso accompagnarlo. Se vado a comprare i biglietti e dico il mio nome, risulto in una ‘black list’, una sorta di Daspo. Mi trattano come se fossi un malato.Più di una volta sono stato allontanato, è umiliante.

Riesco a vedere le partite solo se entro di nascosto: faccio comprare i biglietti ai miei amici, vado in gradinata, mi incappuccio per non farmi riconoscere. A volte incontro vecchi amici, dirigenti: vorrei salutarli ma cambio strada per non metterli in difficoltà.


Appassionato di mountain bike e tecnologia? Ecco il casco bici Sena R1 EVO con interfono, radio, connessione al cellulare, comandi vocali e luci di posizione!

Potessi tornare indietro, mi darei delle coltellate piuttosto che fare quello che ho fatto. Ma non è possibile. Ho sbagliato certo, ho avuto una debolezza, ma in fondo ho danneggiato solo me stesso. Non sono né un ladro, né un assassino. Non ho mai venduto partite e non ho mai tradito la fiducia dei tifosi.Il prezzo che sto pagando è esagerato.E vorrei davvero essere perdonato».

Francesco Flachi

I commenti sono chiusi, ma riferimenti e pingbacks sono aperti.

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi e esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. Accetta Leggi altro

Privacy & Cookies Policy