UN BRESCIA OPERAIO MA DI QUELLI SPECIALIZZATI

181

Miglior inizio di avventura sulla panchina del Brescia non poteva esserci per Davide Dionigi. Il tecnico del Brescia vince alla sua prima panchina ufficiale con la nuova realtà biancazzurra. Una prestazione davvero incoraggiante quella sfoderata da Torregrossa e compagni al cospetto della prima della classe surclassata in tutto e per tutto.

Un Brescia operaio ma specializzato. Una squadra in grado di ritrovarsi dopo le brutte prestazioni dell’ultimo periodo. Tre punti come l’aria, come la molla sulla quale costruire un futuro di rilancio e rinascita.

Difficile pensare ora che tutti i problemi di questi primi mesi siano stati spazzati via con il solo avvento di Davide Dionigi. Di certo c’è che la presenza di un alelnatore che si sente e si fa sentire hanno aiutato ad estrapolare le qualità di un gruppo che merita altre posizioni della classifica.

Uno spirito che fa ben sperare e sul quale Dionigi dovrà costruire le basi del suo gioco. Già il passaggio al 4-3-3 contro la Salernitana ha fatto molto in termini di prestazione. E poi c’è la mano del nuovo timoniere che si è vista sui cambi operati nel momento giusto e al posto giusto.

Un mix vincente per la prima uscita da confermare già martedì in occasione della trasferta a Pordenone contro una squadra che sa il fatto suo. Ma come recita un detto….chi ben comincia è a metà dell’opera!

I commenti sono chiusi, ma riferimenti e pingbacks sono aperti.

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi e esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. Accetta Leggi altro

Privacy & Cookies Policy