DIONIGI DEVE DARE UN’IDENTITÀ AL BRESCIA

254

Dopo il pesante ko subito ad opera del Vicenza il Brescia benedice la pausa di quindici giorni del campionato di Serie B. Tempo necessario a Davide Dionigi per poter dare una fisionomia e una identità alla squadra.

Ad oggi il tecnico, complice anche i tanti impegni ravvicinati, ha avuto poco tempo per lavorare e programmare una squadra a sua immagine e somiglianza. Tanti e troppi cambi di modulo e di giocatori portati dalla scoperta sul campo di qualità e impostazioni tattiche da vestire addosso al gruppo ereditato da Diego Lopez.

La sconfitta contro il Vicenza è probabilmente figlia di un continuo cambio di idee tattiche che ora deve trovare la sua concretezza e stabilità nella miglior scelta possibile.

Torregrossa e Donnarumma sono terminali d’attacco che vanno supportati, non basta metterli in campo per far paura agli avversari. Cosi come la difesa a tre con gli uomini a disposizione e senza un leader appare un azzardo che molto spesso non paga.

Dionigi, rimasto chiuso con Cellino dopo il ko del Rigamonti per quasi un’ora, deve dare un volto e una identità alla squadra. Questo periodo di lavoro dovrà essere intenso e duro per poter progettare un girone di ritorno (anche se mancano due partite) nel quale il Brescia posso dire la sua nelle zone nobili della classifica.

I commenti sono chiusi, ma riferimenti e pingbacks sono aperti.

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi e esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. Accetta Leggi altro

Privacy & Cookies Policy