VERSO PERUGIA-BRESCIA, INZAGHI: “SIAMO FORTI, NESSUN TIMORE”

179

Filippo Inzaghi non vede l’ora di tornare a giocare. La pausa per le nazionali ha lasciato il tempo al tecnico e alla squadra per riflettere sugli errori commessi in occasione della sconfitta contro il Como. A Perugia, su un campo ostico, l’allenatore vuole riprendere il cammino positivo in campionato”

Cosa mi aspetto? Sarà un test impostante ma mi aspetto dai miei una buona prestazione come sempre. Anche contro il Como, al di là del risultato e di alcuni errori, la squadra ha fatto una buonissima gara. Per domani sono molto tranquillo, andiamo a giocare contro un avversario forte che ha battuto la Cremonese e ha fatto bene a Benevento. Sappiamo che sarà difficile ma tutte le gare nascondono insidie. Noi non abbiamo paura di nulla, siamo il Brescia”.

Avremmo voluto giocare il giorno dopo per riscattarci dopo il ko contro il Como. Ma stiamo facendo un ottimo campionato. In queste prime sette giornate siamo andati oltre le aspettative. Braida e non ci considera tra le favorite per la promozione? Forse abbiamo volato troppo alto ed ora c’è da ritornare con i piedi per terra. Il nostro obiettivo è arrivare tra le prime otto. Se pensiamo di vincere tutte le partite facili ciò ci porterebbe fuori strada. Siamo un gruppo vero e se siamo quello che abbiamo dimostrato fino ad oggi ci potremo divertire”.

Sulla formazione? Ho molti dubbi e questo è un bene significa che i ragazzi si sono allenati nella maniera giusta”.

Sono felice di allenare il Brescia. Il mio obiettivo è prendere meno gol allenando i difetti. Per mentalità non voglio subire gol. Ho vinto campionati con la migliore difesa ma qui non lo pretendo. Nelle prime giornate ho lasciato sempre molta libertà. Secondo le statistiche siamo primi in diverse situazioni ma dobbiamo comunque migliorare”.

“Chancellor? Ha fatto un bel gesto perché era in nazionale. La società e io abbiamo apprezzato. Il resto della squadra sta bene a parte Leris e Ayè. Mi spiace per Ayé, ha ancora problemi al ginocchio mentre Léris che stava attraversando un momento straordinario. Ayé speriamo torni presto, Léris dovrebbe essere recuperato per la prossima partita o altrimenti per quella dopo“.

I commenti sono chiusi, ma riferimenti e pingbacks sono aperti.

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi e esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. Accetta Leggi altro

Privacy & Cookies Policy