CELLINO: RICHIESTA DI SEQUESTRO PREVENTIVO DI 50 MILIONI

400

Nella giornata di ieri è andato in scena il confronto al Tribunale del Riesame sulle accuse mosse al presidente del Brescia Massimo Cellino, alla moglie e a due dipendenti del club biancazzurro. Il Pm Erica Battaglia ha esposto i motivi per i quali chiede l’arresto dell’imprenditore sardo oltre ai domiciliari per la moglie. Una richiesta rigettata dal Gip in sede d’indagine.

Il resoconto di una lunga mattinata, iniziata alle 9.30 e terminata poco dopo le 14 è stata raccontata sulle colonne del quotidiano Giornale di Brescia.


Appassionato di mountain bike e tecnologia? Ecco il casco bici Sena R1 EVO con interfono, radio, connessione al cellulare, comandi vocali e luci di posizione!

...”Cellino e la moglie sono accusati di esterovestizione, evasione e autoriciclaggio, la Procura chiede la misura cautelare personale, per l’intero gruppo è stata avanzata una richiesta di sequestro preventivo. Per Cellino fino a 50 milioni di euro tra beni mobili ed immobili tra cui le quote della società inglese che controlla la controllante del Brescia Calcio. Per la moglie, la segretaria e il dipendente del club fino a 1milione e 900mila euro, vale a dire il valore della casa dove Cellino vive a Padenghe e di proprietà di Immobiliare Eleonora, società di famiglia dell’imprenditore sardo”.

Gli avvocati della difesa hanno rigettato le accuse mosse a carico del patron, della moglie e dei due dipendenti nonstante in aula si sia fatto più volte riferimento a intercettazioni telefoniche e chat whatsapp. Tra 20 giorni circa il giudice del Riesame esporrà il proprio giudizio

I commenti sono chiusi, ma riferimenti e pingbacks sono aperti.

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi e esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. Accetta Leggi altro

Privacy & Cookies Policy