1000 MIGLIA DAY: TANTE IDEE PER CONQUISTARE IL MONDO

170

AL VITTORIALE PRESENTATE LE INIZIATIVE PER IL 2024 CON UN SOLO OBIETTIVO: ESPANDERE L’ESPERIENZA DELLA FRECCIA ROSSA

Allargare i propri orizzonti attraverso un processo d’internazionalizzazione portando nel mondo l’esperienza della 1000 Miglia. È questo l’obiettivo del sodalizio guidato da Beatrice Saottini. L’aereo biposto del volo su Vienna, dal quale Gabriele d’Annunzio lanciò i celebri volantini sulla capitale dell’Impero austro-ungarico appeso al soffitto dell’auditorium del Vittoriale dove è andato in scena il 1000 Miglia Day ha disegnato alla perfezione il quadro di 1000 Miglia Srl. “Siamo in continua evoluzione -ha introdotto Aldo Bonomi-. Abbiamo portato l’evento da tre giorni ad una settimana dandone maggiore visibilità”. 40 sono le persone che lavorano dietro ad un marchio destinato a crescere e innovarsi. “Siamo guidati dalla passione ed il nostro fine è quello di dare lustro al nostro territorio e alla nostra storia con la filosofia di lavoro bresciana” l’incipit dell’amministratore delegato Alberto Piantoni. Numeri in ascesa a fronte di un marchio unico nel mondo capace di fare innamorare popoli e continenti. Emirati Arabi, America, Giappone e nel prossimo futuro anche la Cina non hanno resistito al fascino della freccia rossa. Il 2024 sarà un anno ricco di interesse sportivo e culturale. In agenda la 1000 Miglia Warm-up Usa e la 1000 Miglia Experience negli Emirati Arabi. In America l’opportunità di conoscere le sfumature della gara di regolarità, negli Emirati la conoscenza del valore della corsa. E ancora il 1000 Miglia Warm-up in Svizzera a Lugano e lo “Spirit of 1000 Miglia” alla scoperta “dello spirito della corsa” come ha sottolineato Francesca Parlolin: “Un omaggio alle auto storiche nei principali concorsi di bellezza”. Uno sguardo al futuro nel segno della tradizione portando avanti i capisaldi dei 4 moschettieri.

Dal 2018 è attivo il “Registro 1000 Miglia” presieduto da Paolo Mazzetti, un censimento delle vetture storiche ad aver portato 1223 certificazioni valorizzando le vecchie signore e scremando i falsi d’autore. 1000 Miglia si candida ad essere essenza del progresso grazie alle numerose iniziative legate all’ambiente e alla salute. I motori per l’edizione 2024 sono già accesi, vanno solo oliati. Per quanto concerne l’evento clou, la 1000 Miglia 2024, conferma per un percorso di oltre 2000 chilometri attraverso 7 regioni italiane per una durata di 5 giorni nel mese di giugno. Nel cassetto sono custoditi tanti sogni pronti ad essere realizzati. Tra questi uno spettacolo teatrale e il progetto della nascita della Fondazione 1000 Miglia al quale “manca solo il sì del museo: il 2024 può essere l’anno buono” la chiosa di Aldo Bonomi.

Fonte Bresciaoggi

I commenti sono chiusi, ma riferimenti e pingbacks sono aperti.

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi e esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. Accetta Leggi altro

Privacy & Cookies Policy