AN BRESCIA, ESORDIO CON VITTORIA CONTRO LO JADRAN

68

Buona la prima per l’AN Brescia che nel match d’esordio della seconda bolla vince 11-6 contro lo Jadran Herceg Novi.

Nel primo quarto la squadra bresciana parte forte aggredendo l’avversario. Renzuto segna dopo 30 secondi su rigore provocato da Radovic e Lazic raddoppia un minuto dopo. Lo Jadran prova a non farsi spaventare e accorcia con il loro capitano Petkovic, ma Jokovic e Di Somma fissano il primo parziale sul 4-1.

Il secondo parziale sorride ai montenegrini dal punto di vista dello score. I leoni trovano con più difficoltà la porta e Radovic firma una doppietta che porta i gol dello Jadran a 3, mentre Cannella è l’unico marcatore in casa Brescia.

Il terzo periodo viaggia su ritmi sicuramente più bassi e le squadre non riescono a trovare la via del gol. La stanchezza sicuramente si fa sentire, ma Brescia rompe gli indugi a 4 minuti dal termine con Gitto in superiorità e Alesiani allo scadere firma il 2-0 finale su assist di Edoardo di Somma.

Altro tipo di copione nel quarto periodo. L’AN brescia inizia forte portandosi sul 2-0 grazie ad un rigore di Di Somma e al gol di Vincenzo Dolce su assist di Jokovic. Lo Jadran però risponde e in 3 minuti segna tre gol: dopoietta di Averka e la rete di Gardasevic. L’entusiasmo montenegrino viene interrotto dal gol in superiorità di Maro Jokovic che porta la squadra sul 10-6 a 2 minuti dalla fine.

Questo il commento di Sandro Bovo a fine match: “Tutte le partite in questa competizione sono difficili. Loro per altro erano senza tre giocatori importanti, ma sono una squadra molto ben organizzata. Ci hanno messo in difficoltà, noi abbiamo sbagliato qualche situazione di tiro e anche il loro portiere è stato bravo. Però alla fine l’abbiamo portata casa”.

Così invece Maro Jokovic: “Loro hanno giocato senza qualche giocatore, ma sono bravi in difesa e anche in attacco.  Noi abbiamo avuto le nostre opportunità e non sempre le abbiamo sfruttate. Si vede che non abbiamo giocato insieme per un po’ di tempo e ora serve ritrovarsi, ma alla fine abbiamo vinto ed è quello che conta. Ora testa a domani contro l’Hannover”.

I commenti sono chiusi, ma riferimenti e pingbacks sono aperti.

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi e esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. Accetta Leggi altro

Privacy & Cookies Policy