BRESCIA, ARAGOLAZA RACCONTA IL CORONAVIRUS: “SITUAZIONE CRITICA”

345

Gustavo Aragolaza, tecnico dell’Under 17 del Brescia Calcio ha parlato ad un quotidiano cileno della sua esperienza in questo contesto di emergenza sanitaria in una delle città più colpite dall’epidemia di coronavirus. L’intervista è stata rilasciata al Cadena Tiempo.

“Ieri avevo paura, avevo il raffreddore e sono stato preso dalla paranoia”

Originario di Rawson, un ex arciere germinale, il CAI di Comodoro Rivadavia ed Everton del Cile, Gustavo Aragolaza arrivò in Italia nel 2011. Ha vissuto per la prima volta in Sardegna, dove è diventato un assistente di campo per allenare Gianluca Festa a Cagliari, in Serie A del Calcio, anni dopo riesce a diventare l’allenatore nelle giovanili del Brescia.

“In questi ultimi due giorni la gente è venuta a conoscenza di ciò che sta accadendo con il Coronavirus, due settimane fa non ci siamo allenati con i ragazzi e la prima squadra lunedì ha disputato l’ultima partita del campionato poiché l’organizzazione federale ha deciso di sospendere tutte le attività fino al 3 aprile ”.

“La situazione è piuttosto critica nell’area. Si può andare fuori, ma la regola indica che più a lungo siamo nelle case, minori sono i rischi di contagio. Praticamente trascorriamo tutto il giorno a casa. Esco solo a mangiare al club e faccio shopping”.

I commenti sono chiusi, ma riferimenti e pingbacks sono aperti.

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi e esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. Accetta Leggi altro

Privacy & Cookies Policy