BRESCIA: IL “CASO” JORONEN FRENA IL MERCATO DELLE RONDINELLE

235

IL PORTIERE VORREBBE LA SERIE A, PER AVERLO IL VENEZIA DEVE ALZARE LA POSTA IN GIOCO

In casa Brescia tiene banco il “caso” Jesse Joronen. Il portiere finlandese, promesso sposo al Venezia, si è preso del tempo per decidere se accettare o meno l’offerta del club veneto. Un passo indietro inaspettato ad aver nuovamente rallentato una trattativa che sembrava essere prossima alla conclusione. Un tergiversare ad aver irritato la dirigenza di via Solferino costretta ora ad attendere una risposta, in tempi brevi, dal calciatore. Alla luce della scelta dell’estremo difensore ci sarebbe la volontà d’attendere una chiamata dalla Serie A. L’obiettivo dichiarato di Joronen è giocare il prossimo anno nella massima serie. Ma sul piatto le offerte scarseggiano. Ad oggi solo Venezia e Genoa, formazioni retrocesse in cadetteria, si sono fatte avanti concretamente per provare ad intavolare una trattativa. I lagunari sono stati i più veloci a mettersi in contatto con Massimo Cellino offrendo per Joronen due contropartite tecniche: il cartellino del portiere Luca Lezzerini (attualmente convalescente dopo la lesione completa del tendine del retto femorale destro del febbraio scorso) e il prestito dell’esterno destro Nicolas Galazzi. A completare l’offerta ci sarebbe anche un conguaglio in denaro considerato il fresco rinnovo di Joronen con il Brescia prima della scadenza del contratto precedente datata 30 giugno. Ora Cellino e Perinetti premono affinché il finlandese accetti il trasferimento e rifletta velocemente sul proprio futuro, il rischio di far saltare la trattativa è alto.

Da Bresciaoggi

I commenti sono chiusi, ma riferimenti e pingbacks sono aperti.

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi e esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. Accetta Leggi altro

Privacy & Cookies Policy